Tab social
Sapzio Soci_lan
Youtube
 
Titolo

News

 
18/11/2010 Sociale
BCC Manzano e Asdi Sedia insieme per il rilancio del Distretto

asdi sedia e bcc manzanoSarà dato sostegno alle aziende certificate e ai progetti più innovativi.

La Banca di Credito Cooperativo di Manzano scende in campo al fianco dell'Asdi Sedia per supportare e sviluppare le imprese del Distretto. Una collaborazione che punta al sostegno di quelle attività economiche capaci di ottenere una certificazione di qualità e di distinguersi per progetti finalizzati ad un'innovazione di prodotto, di processo e di mercato. Per farlo, la Bcc, da sempre impegnata nella valorizzazione del territorio di provenienza, mette inizialmente a disposizione risorse per un ammontare complessivo di oltre 10 milioni di euro.

«Vogliamo essere vicini a quelle imprese che scelgono di aggregarsi e di puntare sull'innovazione per rilanciarsi - precisa il presidente della Bcc di Manzano, Silvano Zamò -. Il rilancio del Distretto passa attraverso la qualità dei processi e dei prodotti: proprio in questo ambito abbiamo intenzione di intervenire in aiuto delle realtà produttive locali, che da sole farebbero sicuramente più fatica ad emergere».

«Fa piacere – aggiunge il Presidente dell’Asdi Sedia Giusto Maurig - che il mondo del credito, e in particolare una importante banca di riferimento territoriale come la Bcc di Manzano, faccia un investimento così rilevante sulle linee guida di sviluppo tracciate dall’Asdi; ciò dimostra che il nostro Piano di Sviluppo è attuale e risponde alle richieste del Distretto, per il suo rilancio che ha bisogno di più azioni e non di una sola. Ricordiamo che il Distretto della Sedia ha dato ricchezza alle famiglie della regione, è quindi giusto che il mondo economico riconosca la validità del Piano di Sviluppo per il rilancio del Distretto e condivida la necessità di attuarlo».

L'obiettivo è ambizioso, ma Bcc e Asdi sono già attrezzate per partire entro la fine del 2010: «Siamo pronti a sostenere gli imprenditori a 360 gradi - afferma il direttore della Bcc di Manzano, Angelo Zanutto - senza lanciare proclami: rispetto al passato infatti, non intendiamo dire "bisogna fare", ma "facciamo". Il progetto di collaborazione con l'Asdi partirà nel dicembre 2010: si tratta di un'iniziativa aperta a tutti. Non a caso - aggiunge Zanutto - siamo disposti ad accogliere tutti coloro che vorranno partecipare, dalle associazioni di categoria alle amministrazioni pubbliche. Però non intendiamo aspettare oltre: noi e l'Asdi partiamo, anche da soli se le altre realtà del territorio decideranno di non affiancarci».

«Un’importante novità – informa il Direttore dell’Asdi Sedia Carlo Piemonte – è l’istituzione di una Commissione di valutazione strategica il cui compito principale consiste nell’avvicinare progettualità di imprenditoria locale alle possibilità di finanziamento offerte dalla banca; oltre a fornire una valutazione la Commissione propone migliorie e opportunità di approfondimenti, nell’ottica di uno sviluppo coordinato delle progettualità».

Il primo progetto comune messo a punto da Bcc e Asdi Sedia è quello della "Filiera Iso 9001", già partito a settembre con un corso di formazione ai quali hanno aderito 12 aziende del Distretto; il progetto prevede l'ottenimento della certificazione Iso 9001 attraverso un percorso di crescita partecipato. La Bcc, oltre a sostenere la promozione dell'iniziativa, mette a disposizione degli aderenti una procedura semplificata per l'accesso al credito e condizioni economiche più favorevoli per valorizzare il percorso di crescita intrapreso. Un beneficio concreto, grazie al supporto della Bcc, per le aziende partecipanti.

Il secondo progetto è finalizzato all'ottenimento, da parte delle realtà produttive del Distretto, di una "Certificazione di qualità". In questo caso la Bcc sponsorizza e si rende disponibile a finanziare l'attività necessaria alla predisposizione, da parte dell'azienda, alla certificazione. Individua anche dei professionisti qualificati per poter svolgere l'attività, garantendo in tal modo qualità della consulenza e prezzi adeguati.

Infine il terzo progetto, con finanziamenti per l'"Innovazione di prodotto, di processo e di mercato". In pratica un'azienda potrà presentare un'ipotesi progettuale di innovazione la quale, dopo essere stata valutata da una Commissione di valutazione strategica, potrà ricevere una speciale linea di finanziamento tarata appositamente (ci sarà un plafond iniziale predefinito di 10 milioni di euro). Saranno privilegiate le iniziative presentate da aggregazioni di aziende, meglio se certificate, che perseguono un'innovazione di prodotto, processo o di tipo commerciale, in linea con gli assi del Piano di Sviluppo per il rilancio del Distretto della Sedia presentato dall'Asdi.

CSS